Alle radici della musica afro-americana con il piano-solo di Claudio Cojaniz

CLAUDIO COJANIZ
“Stride vol. 3 – live”


Sabato 1° aprile, ore 20.45

CLAUDIO COJANIZ
“Stride vol. 3 – Live”
Claudio Cojaniz (pianoforte)

CONCERTO DI PRESENTAZIONE DEL DISCO “Stride vol. 3 – live” (Caligola 2223)
ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili (max 216 posti)
Pasian di Prato (UD), Auditorium Comunale Elio Venier, Via Roma 40

Informazioni
Comune di Pasian di Prato, Servizi Culturali e Bibliotecari, tel. 0432.645957, fax 0432.645915, cultura@pasian.it
http://www.culturanuova.fvg.it/

Caligola, cell. 335.6101053, fax 041.962205, www.caligola.it – info@caligola.it
Facebook: facebook.com/caligolamusic/

Verrà presentato non distante da dov’è avvenuta la registrazione, meno di due anni fa, nel luglio 2015. Allora il concerto si era tenuto all’aperto, nell’Arena del Parco Azzurro di Passons, ora invece il disco viene presentato nell’auditorium del Comune che l’ha prodotto, Pasian di Prato, sempre in provincia di Udine, che è poi quella dov’è nato, si è formato ed ancora vive il pianista Claudio Cojaniz, classe 1952, uno degli assoluti protagonisti del jazz italiano di quest’ultimo quarto di secolo.
Concerto magico, a sentire la registrazione, che ha colto Cojaniz in una serata di grazia, sublime nel mescolare il repertorio di standard che avevano costituito il corpo dei suoi due precedenti album di piano-solo, “Stride” vol. 1 e vol. 2, entrambi registrati in studio, ma anche nell’aggiungere ai brani più amati alcune gradite sorprese, come una solare Gracias a la vida o la delicatissima Il nostro concerto, una troppo spesso dimenticata canzone di Umberto Bindi. Ma brillano in quello straordinario concerto – non ha caso diventato disco, grazie alla passione e tenacia di Andrea Zecchin, funzionario del Comune di Pasian, ma soprattutto grande e sincero appassionato di jazz  – anche il brano tradizionale macedone Jovano, Jovanka, che esprime al meglio l’anima selvaggia di Claudio, e non manca mai nelle sue performance dal vivo, od una lirica ballad come Toni, dedicata alla sua attuale compagna, la poetessa Antonella Iaschi.
Il pianoforte – uno splendido Steinway gran coda del 1890 – era stato fornito allora, ma lo sarà anche in questa occasione, dall’amico Lorenzo Cerneaz, il cui laboratorio è ormai diventato una sorta di seconda casa per il pianista friulano. Sebbene questo sia il concerto di presentazione di un disco, non aspettatevi dal piano-solo del 1° aprile di Cojaniz una fedele riproposizione di quella serata e di quel repertorio. Nel jazz, e tanto più con Claudio, ciò non potrebbe mai avvenire. Trattandosi di un’esibizione concertistica offerta ad ingresso gratuito, non è consigliabile arrivare in teatro all’ultimo momento o magari addirittura in ritardo. Vi aspettiamo quindi puntuali e numerosi!

Per avere maggiori dettagli sul disco, clicca sulla copertina


 

Share this article

 

News&Events

marzo: 2017
L M M G V S D
« feb   apr »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031