CANDIANI GROOVE
Febbraio 2017

Venerdì 3 febbraio, ore 21:00
MIRANDA CORTES & RACHELE COLOMBO
«’Ndar»
Rachele Colombo (voce, chitarra, percussioni), Miranda Cortes (voce, fisarmonica),
Domenico Santaniello (contrabbasso), Alessandro Piovan (batteria)
con la partecipazione straordinaria di:
Gianni Coscia (fisarmonica), Gualtiero Bertelli (voce narrante)

Sabato 18 febbraio, ore 21:00
ROSA BRUNELLO Y LOS FERMENTOS
«Upright tales»
Alessandro Presti (tromba), Filippo Vignato (trombone, effetti),
Rosa Brunello (contrabbasso, basso elettrico), Luca Colussi (batteria)

Ingresso (valido per entrambi i concerti) : intero € 8, ridotto € 5
(riduzioni per Candiani Card, Cinemapiù, IMG Card, soci Caligola, studenti)
ridotto speciale per giovani fino ai 29 anni (posti limitati) € 3

MESTRE (VE), Auditorium del Centro Culturale Candiani
Piazzale Candiani, 4° piano (info e biglietteria, tel. 041.2386126)
www.centroculturalecandiani.it, www.biglietto.it (diritto di prevendita € 1)

L’INEVITABILE INCONTRO FRA RACHELE E MIRANDA
L’album «’Ndar» è una sorta di suite che nasce dall’incontro fra due artiste curiose e complesse che hanno deciso di mescolare i propri percorsi musicali e di scompaginare le carte della musica world, mescolandola e contaminandola non senza ironia con la scrittura classica, il jazz, la cultura tradizionale e la musica contemporanea. Artefici di questo repertorio sono la fisarmonica, esaltata da un sorprendente utilizzo espressivo del mantice, e il canto con i suoi variopinti colori linguistici fatto di inserti recitativi in greco antico, in latino, o nella lingua del Ruzzante. Alla stregua di due artigiani il duo formato da Rachele Colombo e Miranda Cortes ha affinato l’arte di costruire un piccolo gioiello della forma canzone di grande pathos evocativo, grazie anche alla generosità artistica di numerosi amici musicisti tra i quali saranno presenti nel concerto mestrino sia il grande fisarmonicista Gianni Coscia che Gualtiero Bertelli, in veste di poeta, intento a recitare la sua rabbia per il destino di Venezia.

ROSA BRUNELLO, GIOVANE TALENTO DEL JAZZ ITALIANO
A due anni di distanza dal debutto discografico con «Camarones a la plancha», album che ha ricevuto moltissimi riconoscimenti dalla critica specializzata e dagli addetti ai lavori, la giovane contrabbassista Rosa Brunello presenta il suo nuovo progetto in veste di leader, riunendo per l’occasione un inedito quartetto formato da alcuni tra i più interessanti nuovi protagonisti del jazz italiano attuale. L’organico strumentale coinvolto viene limato all’essenzialità di un quartetto, denominato Los Fermentos, con due ottoni e sezione ritmica. Centro gravitazionale di un universo sonoro spirituale e cangiante, il contrabbasso di Rosa Brunello delinea gli spazi attorno ai quali la tromba di Alessandro Presti ed il trombone di Filippo Vignato – vincitore quest’anno del referendum indetto dalla rivista Musica Jazz nella categoria “Nuovi talenti” – fluttuano e danzano in uno stimolante dialogo con le percussioni di Luca Colussi. Nel disco c’è in più la presenza di amici–ospiti come la cantante Francesca Viaro, il pianista Enzo Carniel ed il sassofonista Dan Kinzelman. Registrato in un sol giorno «Upright tales» è un album di “racconti verticali”, una raccolta di brani in cui ogni traccia rappresenta un episodio autonomo e finito, eppure inserito in un flusso coerente. È musica fatta di sottigliezze, contrappunti e tutto sommato, benché si tratti di jazz, con poca improvvisazione. Ha detto a questo proposito la contrabbassista veneta: “preferisco concentrarmi sulla melodia e giocare di squadra, senza sovrastare nessuno degli altri componenti del gruppo”.

Share this article