CANDIANI GROOVE
settembre–ottobre 2015

venerdi’ 23 ottobre
SONIA SPINELLO
“Billie Holiday Project” (Tribute to Lady Day 1915-2015)
Sonia Spinello voce
Lorenzo Cominoli chitarre acustiche
Maurizio Brunod chitarre elettriche, effetti, loop

ingresso: intero € 8, ridotto € 5

ACQUISTA QUI I BIGLIETTI

*

Mestre (Ve), Centro Culturale Candiani
Piazzale Candiani 7
Auditorium quarto piano
Inizio concerti ore 21.00

Informazioni
Centro Culturale Candiani, tel. 041.2386126, candiani.comune.venezia.it
Profilo Facebook: facebook.com/Centro.Culturale.Candiani
Caligola, cell. 340.3829357 – 335.6101053, fax 041.962205, www.caligola.it – info@caligola.it
Facebook: facebook.com/pages/Caligola-Circolo-Culturale/198558337034

Prevendite
Biglietti acquistabili presso la biglietteria del Centro Culturale Candiani 041.2386126
e online sui siti candiani.comune.venezia.it e www.biglietto.it.

La biglietteria è aperta con il seguente orario:
martedì e giovedì 10.00-12.00 e 16.00-18.00; mercoledì e venerdì 10.00-12.00; venerdì 25 settembre, 2, 9 e 23 ottobre dalle ore 16.00 fino a inizio spettacolo.

Riduzioni per possessori Candiani Card e Carta Cinemapiù, IMG Card, Associazione Caligola, studenti

Riduzioni per i possessori di JAZZIT card: info qui http://www.jazzit.it/jazzit-card-convenzioni.html

Nel 2015, in occasione del centenario della nascita di Billie Holiday – fra le voci più influenti e significative del secolo scorso, non solo in campo jazzistico – tre musicisti di spicco del jazz italiano presentano un originale omaggio alla sua arte immensa, guidandoci in un suggestivo viaggio nella vita e nelle canzoni di “Lady Day” (soprannome datole da Lester Young). Durante il concerto, montato come uno spettacolo teatrale, è Billie stessa a parlare, a raccontarci di una vita tormentata fatta di incontri troppo spesso sfortunati, di abusi, di ingiustizie, ma anche di tanta splendida musica. Una musica che è la medicina dell’anima.

I brani cantati da Sonia Spinello, accompagnata in quest’occasione dalle chitarre di Lorenzo Cominoli e Maurizio Brunod, si inseriscono nel racconto come tante fotografie in bianco e nero che ritraggono la protagonista e ne descrivono perfettamente, attraverso le sue canzoni, ogni tormento e gioia. In tale contesto assume un peso specifico molto importante la partecipazione di Brunod, chitarrista di punta del panorama jazzistico italiano, che si aggiunge ad un duo già ampiamente collaudato. Con il suo stile moderno, a tratti sperimentale, il chitarrista piemontese contamina l’impronta rigorosa del jazz tradizionale in cui si muoveva la Holiday, creando un suggestivo gioco di contrasti fra classico e moderno, fra musica acustica ed elettronica, ma riuscendo soprattutto a rivisitare i brani più noti di Lady Day in chiave contemporanea.

Sonia Spinello (Pavia, classe 1974) si avvicina al canto sin dalla giovane età, ma pratica il jazz dal 2001, frequentando il Centro Jazz di Torino. Appassionata di medicina alternativa e bioenergetica, affianca agli studi musicali quelli sul training autogeno e sul rilassamento guidato. Nelle sue prime esperienze musicali c’è molto soul, blues e funk. Numerose anche le collaborazioni in ambito pop e rock, soprattutto come corista, ed altrettanto importante la sua lunga esperienza nel prestigioso coro gospel Golden Guys, diretto da Paola Milzani. Dal 2007 al 2012 è anche la voce del quartetto Jazz ’n’ Time, fondato insieme al pianista Riccardo Del Togno, e dal 2013 lavora alla realizzazione del “Billie Holiday Project”, registrato nel gennaio 2015 e pubblicato su Cd a pochi mesi di distanza dall’etichetta Abeat. Attualmente dirige, insieme a Lorenzo Cominoli, la Four Music School di Borgomanero ed il collegato jazz club.

Lorenzo Cominoli è stato allievo prima di Fabrizio Spada, quindi del chitarrista americano Garrison Fewell (al Berklee College di Boston) e di Sandro Gibellini. Intensifica la sua attività musicale nel campo del jazz a partire dalla fine degli anni ‘90, e nel 2009 pubblica per Splasc(h) il suo primo disco di composizioni originali. 

Maurizio Brunod (Ivrea, 1968) inizia a studiare chitarra classica a 13 anni, e appena ventenne è già attivo al Centro Musica Creativa di Torino, dove collabora con Carlo Actis e Claudio Lodati, ma soprattutto con Massimo Barbiero, insieme a cui fonda Ente Eller, una delle più importanti formazioni italiane di jazz d’avanguardia. Il suo stile chitarristico, fantasioso e versatile, è influenzato dal progressive così come dal jazz di ricerca, dalla world–music quanto dalla classica. Ma è nell’ultimo decennio che Brunod s’impone come uno dei musicisti di spicco del jazz italiano, molto attivo sia sul fronte delle collaborazioni internazionali (Alexander Balanescu, Miroslav Vitous), sia come leader di propri progetti. Tre gli album da lui registrati con la nostra etichetta, l’ultimo dei quali, “Duets” (Caligola 2170), ha come ospite in cinque brani proprio il celeberrimo contrabbassista praghese.

 

Share this article

 

News&Events

settembre: 2015
L M M G V S D
« ago   ott »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930