Comune di Venezia, Direzione Attività Culturali e Turismo
Centro Culturale Candiani
Caligola Circolo Culturale

“CANDIANI GROOVE”
Febbraio 2015

Venerdi 6 febbraio, ore 21.00
Kenny Werner Trio
Kenny Werner (pianoforte)
Johannes Weidenmueller (contrabbasso)
Ari Hoenig (batteria)
euro 13 interi / euro 10 ridotti

ACQUISTA QUI

MESTRE (VE), Auditorium del Centro Culturale Candiani
P.le Candiani, 4° piano, inizio concerti ore 21.00

Informazioni
Centro Culturale Candiani, tel. 041.2386126, candiani.comune.venezia.it
Profilo Facebook: facebook.com/Centro.Culturale.Candiani
Caligola, cell. 340.3829357 – 335.6101053, fax 041.962205, www.caligola.it – info@caligola.it
Facebook: facebook.com/pages/Caligola-Circolo-Culturale/198558337034

Prevendite
Circuito biglietto.it acquistabile presso la biglietteria del Centro Culturale Candiani 041.2386126
e online sui siti candiani.comune.venezia.it e www.biglietto.it. La biglietteria è aperta con il seguente orario: martedì-domenica 16.00/ 20.00 fino alle 22.00 in occasione di spettacoli. Giorno di chiusura: lunedì.

Riduzioni per i possessori di JAZZIT card: info qui http://www.jazzit.it/jazzit-card-convenzioni.html

Nel suo quarto appuntamento del nuovo anno, la stagione concertistica “Candiani Groove” tornerà a dar spazio al grande jazz americano, e lo farà con l’atteso trio dello straordinario quanto sottovalutato pianista Kenny Werner, nato nel 1951 a New York, giunto forse all’apice di un’ormai quarantennale carriera, che l’ha visto collaborare con musicisti del calibro di Archie Shepp e Dave Holland, Joe Lovano e Jack DeJohnette, Dave Douglas e Toots Thielemans, solo per fare qualche nome.

Werner è un’icona del jazz moderno, avendo contribuito in modo determinante all’evoluzione del linguaggio pianistico afroamericano dall’inizio degli anni ’70. Dotato di grande sensibilità e ragguardevole tecnica, ma anche di un impressionante senso ritmico, il pianista americano è in grado di far convivere la complessità dell’improvvisazione jazzistica con la sofisticazione del pensiero armonico accademico. Tutto ciò ne fa un artista completo, capace di coinvolgere direttamente e con profonda emotività anche un pubblico di non addetti ai lavori. E’ soprattutto un musicista dallo spiccato senso narrativo, capace di individuare nel corso delle proprie esibizioni percorsi musicali quasi mai scontati, senza mai perdere di vista il disegno complessivo della forma, proponendo quindi agli ascoltatori una creazione collettiva di raro fascino.

Dopo aver suonato dal 1981, per quattordici anni consecutivi, in trio con il contrabbassista Ratzo Harris ed il batterista Tom Rainey, pubblicando con loro quattro album, Kenny Werner si è preso qualche anno di pausa, ma nel 2000 ha deciso di riformare un trio, formazione con cui sembra dare il meglio di sé, scegliendosi due eccellenti e sensibili partner come Johannes Weidenmueller, contrabbasso, nato a Heidelberg, in Germania, ma dal 1991 stabilitosi a New York, ed Ari Hoenig, nato a Filiadelfia nel 1973, autentico fuoriclasse della batteria. Il loro sodalizio, che dura da ormai un quindicennio, ha prodotto altri quattro dischi molto interessanti: «Form and fantasy» (2000), «Beat Degeneration» (2002), «Peace» (2004) e «With a song in my heart» (2008). Un “interplay”, il loro, che pochi altri trii del jazz contemporaneo possono vantare, e di cui il concerto del Candiani darà sicuramente conferma.

La rassegna “Candiani Groove” prosegue con:

Venerdì 20 febbraio
canzoni al femminile
- doppio concerto -

Lubjan Comincerò a parlare
Lubjan (voce, chitarra acustica)
Floriano Bocchino (piano, rhodes)
Stefano Calore (chitarre elettrica e acustica)
Massimo Calore (synth, programming)

Maria Roveran Alle profonde origini delle rughe profonde
Maria Roveran (voce)
Simone Chivilò (chitarre, tastiere, programming)
Piero Trevisan (basso elettrico)
Moreno Marchesin (batteria)
euro 10 interi / euro 7 ridotti

ACQUISTA QUI

*

Venerdi 27 febbraio
Tamburini & Hays Duo
Marco Tamburini (tromba, flicorno)
Kevin Hays (pianoforte)
euro 8 interi / euro 5 ridotti

ACQUISTA QUI

Share this article