Nell’ambito di SCARPE ROTTE Festival

organizzato da CITTA’ DI VENEZIA, ANPI MESTRE, CONTROVENTO cooperativa sociale, IVESER (Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea), FORTE CARPENEDO onlus e Associazione Dalla Guerra alla Pace di FORTE MEZZACAPO

AREA International POPular group
MUSICA TOTALE, DI FUSIONE E INTERNAZIONALITA’
REUNION in collaborazione con Caligola Associazione Culturale

26 aprile 2014, ore 21.30
Forte Marghera, Mestre (VE)
ingresso libero e gratuito

Partecipa al Festival: ecco il sito di SCARPE ROTTE

Partecipa al Festival: ecco la pagina Facebook

Partecipa all’evento Facebook AREA live

Quante sono le rockband italiane conosciute ovunque e che hanno fatto la storia della musica italiana? Pochissime. Tra queste ci sono sicuramente gli Area. Il loro genere e i loro percorsi molteplici possono chiamare in causa il jazz, il rock, il progressive, la world music – che negli anni Settanta non esisteva neppure come definizione -, l’avanguardia, la pura sperimentazione, la canzone politica. Dopo 30 anni di cambiamenti sociali ed evoluzioni musicali oltre che tecnologiche, ecco Ares Tavolazzi (basso), Paolo Tofani (chitarre e synth) e Patrizio Fariselli (tastiere) nuovamente insieme sul palco. Sarà un concerto ‘atipico’ quello della Reunion, che portano già in tour da qualche anno: una band senza il suo elemento simbolico, il cantante e vocalist Demetrio Stratos, scomparso prematuramente nel 1979. Eppure, per tutti coloro che hanno amato gli Area durante gli anni Settanta, quello di tappa a Mestre nell’ambito del Festival Scarpe Rotte (dal 24 aprile all’1 maggio) sarà un evento emozionante, realizzato in collaborazione con la nostra associazione culturale, Caligola. Il live, come tradizione del Festival, sarà completamente gratuito e vedrà Walter Paoli alla batteria, nome noto nell’ambiente jazz italiano.
Non si tratterà di un ritorno dal sapore nostalgico ma di un’operazione musicale di ben più ampio respiro: facendo tesoro del comune passato, i nostri vogliono guardare soprattutto al futuro proponendo non solo la musica degli Area ma anche i rispettivi percorsi musicali individuali intrapresi dopo la fine di quella incredibile esperienza musicale, laboratorio di idee, fucina sociale che fu il gruppo d’origine.

Biografia
1972 Il gruppo inizia la propria attività. La formazione: Demetrio Stratos, Victor Edouard Busnello, Johnny Lambizzi, Patrick Djivas, Giulio Capiozzo, Patrizio Fariselli.

1973 Esce dal gruppo Johnny Lambizzi ed entra Paolo Tofani. Con questa formazione incide “Arbeit macht frei” e partecipa a molte manifestazioni musicali e culturali oltre che ad un tour in solidarietà del cile; i musicisti sono invitati alla 8a biennale di Parigi.

1974 Escono dal gruppo Victor Edouard Busnello e Patrick Djivas . Entra Ares Tavolazzi. Tengono un concerto “terapeutico” all’ospedale psichiatrico diretto da Franco Basaglia a Trieste; incidono “Caution radiation area”, suonano al festival del parco Lambro a Milano ed al primo festival internazionale di Rovereto; rappresentano l’Italia al primo pop festival di Berna. Suonano in una manifestazione contro la guerra in Vietnam al Vigorelli assieme a Joan Baez.

1975 L’attività dal vivo si intensifica, partecipano al 2° parco Lambro ed alla festa nazionale dell’unità a Firenze; in novembre incidono “Crac”, i loro dischi vengono pubblicati in Francia.

1976 I loro dischi sono distribuiti in Giappone; suonano al 3° parco Lambro e tengono più di 200 concerti in Italia. Sono invitati alla Fête de l’Humanité a Parigi ed alla Festa do Avante a Lisbona. Giulio Capiozzo ed Ares Tavolazzi lasciano il gruppo per qualche mese per l’orchestra di Andrea Mingardi. Fariselli, Tofani e Stratos tengono un concerto all’Università statale di Milano con Steve Lacy e Paul Litton da cui viene tratto il disco “Event 76″. Incidono “Maledetti” con ospiti: i fratelli Arze, Steve Lacy, Paul Litton, Walter Calloni e Hugh Bullen.

1977 Presentano al pubblico, con un concerto al Teatro Uomo di Milano, il loro disco “Antologicamente”. Esce dal gruppo Paolo Tofani.

1978 Area lascia la Cramps per l’etichetta Ascolto della CGD; esce “1978 gli dei se ne vanno gli arrabbiati restano”. In marzo il gruppo si esibisce in tre importanti concerti in Portogallo: a Lisbona, Coimbra ed Oporto; in luglio è al Festival Mondiale della Gioventù a Cuba e suona per due volte a l’Avana.

1979 E’ l’anno dello studio e della ricerca. Demetrio Stratos lascia il gruppo; Fariselli, Capiozzo e Tavolazzi si avvalgono della collaborazione di diversi musicisti tra i quali Massimo Urbani, Larry Nocella, Pietro Tonolo etc. Muore a New York Demetrio Stratos.

1980 Esce “Tic&Tac”. Con la cooperativa teatrale Nuova Scena, per la regia di Memè Perlini, realizzano “Gli Uccelli” di Aristofane; effettuano più di 100 repliche in Italia prima di terminare il tour a Bruxelles nel maggio 1981. Con la stessa compagnia l’anno dopo allestiscono “Tristano e Isotta”, uno spettacolo di teatro e danza.

1983 Area sospende l’attività.

1993 Patrizio Fariselli, Giulio Capiozzo e, per un certo periodo, Ares Tavolazzi, riprendono l’attività live. L’anno dopo esce Ares Tavolazzi ed entrano Paolino Dalla Porta e Pietro Condorelli.

1997 Esce “Chernobyl 7991″. Vi partecipano, come ospiti, Gigi Cifarelli, John Clark e Pietro Condorelli. Il gruppo si esibisce dal vivo in trio con Fariselli, Capiozzo e Paolo Dalla Porta. Il disco viene presentato in gennaio a Milano al Centro Sociale Leoncavallo. Vengono denunciati per “…abuso di strumenti musicali e grave inquinamento acustico”. L’anno dopo Marco Micheli sostituisce Paolino Dalla Porta al basso

2000 Muore Giulio Capiozzo.

2009 In agosto Ares Tavolazzi, Paolo Tofani e Patrizio Fariselli sono invitati a Siena a commemorare il trentennale della scomparsa di Demetrio Stratos. e si esibiscono con tre formazioni diverse. Dopo una intensa jam session decidono di riprendere l’attività come Area Reunion.

2010 In maggio, con Walter Paoli alla batteria e ospite Mauro Pagani al violino, tengono con successo due concerti a New York. Successivamente partecipano ad una “conduction” ospiti della Nu Blu Orchestra diretta da Butch Morris. In settembre tengono un concerto al Blue Note di Milano che ne sancisce ufficialmente il ritorno.

Discografia

Album
1973 – Arbeit Macht Frei, Cramps
1974 – Caution Radiation Area, Cramps
1975 – Crac!, Cramps
1976 – Maledetti (maudits), Cramps
1978 – 1978 gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano!, Ascolto
1980 – Tic & Tac, Ascolto
1997 – Chernobyl 7991, Sony

Singoli
1973 – L’abbattimento dello Zeppelin/Arbeit Macht Frei, Cramps
1974 – L’internazionale/Citazione da George L. Jackson, Cramps

Raccolte
1977 – Anto/logicamente, Cramps
1980 – Area ’70, Cramps
1993 – Gioia e rivoluzione, Cramps
2002 – Revolution Box Set, Akarma (cofanetto comprendente Arbeit Macht Frei, Caution Radiation Area, CRAC! e Are(A)zione)
2002 – Live Concerts Box, Akarma (cofanetto comprendente Concerto teatro uomo e Parigi-Lisbona)
2010 – The Essential Box Set Collection, Cramps (cofanetto comprendente Arbeit Macht Frei, Caution Radiation Area, CRAC! , Are(A)zione, Maledetti (maudits) e Event ’76)

Live
1975 – Are(A)zione, Cramps
1976 – Parigi-Lisbona, Cramps
1979 – Event ’76, Cramps
1997 – Concerto teatro uomo, Cramps (registrazioni live del 1976)
2002 – Live 1977, Akarma (registrazioni live del 1977)

Partecipazioni a raccolte live
1976 – Parco Lambro, Laboratorio (comprende Gerontocrazia)
1979 – 1979 Il concerto – Omaggio a Demetrio Stratos, Cramps (comprende Danzanello e L’internazionale)

Share this article

 

News&Events

aprile: 2014
L M M G V S D
« mar   giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930