Città di Venezia, Assessorato alle Attività Culturali
Centro Culturale Candiani
Caligola Circolo Culturale

CANDIANI GROOVE
Dicembre 2013

Martedì 3 dicembre, inizio ore 21.30

PumpOrgan

Dirk Bruinsma (sax alto, basso elettrico, composizione)
Christian Ferlaino (sax baritono)
Wilbert Bulsink (tastiere, organo hammond)
Mikael Szafirowski (chitarra e basso elettrici)
Nout Ingen Housz (batteria, percussioni)

posto unico: intero € 8, ridotto € 5

AUDITORIUM CENTRO CULTURALE CANDIANI
Piazzale Candiani 7 – MESTRE (VENEZIA)

ACQUISTA IL BIGLIETTO

PARTECIPA ALL’EVENTO FACEBOOK

Informazioni
Centro Culturale Candiani, tel. 041.2386126, www.centroculturalecandiani.it
Profilo Facebook: facebook.com/Centro.Culturale.Candiani
Caligola, cell. 340.3829357 – 335.6101053, fax 041.962205, www.caligola.it - info@caligola.it
Profilo Facebook: facebook.com/caligola.circolo ; pagina fan: facebook.com/pages/Caligola-Circolo-Culturale/198558337034

Prevendite
Circuito biglietto.it acquistabile presso la biglietteria del Centro Culturale Candiani 041.2386126
e online sui siti www.centroculturalecandiani.it e www.biglietto.it. La biglietteria è aperta con il seguente orario anche la domenica: 10.30 – 12.30 / 15.30 – 22.00. Giorno di chiusura: lunedì.

Riduzioni per possessori Candiani Card e Carta Cinemapiù, studenti under 25, GaT

GaT – Giovani a Teatro 2,50 www.giovaniateatro.it

Riduzioni per i possessori di JAZZIT card: info qui http://www.jazzit.it/jazzit-card-convenzioni.html

“Candiani Groove” non si limita soltanto a programmare per tempo e con la massima apertura musicale gli eventi della sua stagione, ma deve aver anche la capacità di saper cogliere le occasioni dell’ultima ora, quando ne valga davvero la pena. E’ questo il caso del concerto del gruppo olandese PumpOrgan, non compreso nella prima stesura del programma autunnale, perché deciso solo a fine ottobre. L’occasione era ghiotta, visto che la giovane band di Amsterdam, dopo un breve tour francese, ha programmato un’escursione italiana che toccherà Faenza (30 novembre) e Bologna (1 dicembre) per giungere poi a Mestre. L’opportunità è stata quindi colta.
La scena jazzistica olandese si presenta, fin dagli anni 60, tra le più prolifiche e creative del Vecchio Continente. Basterà qui ricordare i nomi di Misha Mengelberg, Han Bennink e Willem Breuker, ben noti a tutti gli appassionati. Fra i più interessanti e imprevedibili esponenti di questa scena è, da circa un ventennio, il pluristrumenstista Dirk Bruinsma – che suona strumenti fra loro molto diversi come il sax contralto ed il basso elettrico – noto soprattutto per esser leader del Blast Quartet, fondato nel 1989, cui ha regalato, con la sua scrittura fertile ed onnivora, moltissime composizioni. Il suo personalissimo approccio compositivo è stato definito dalla critica come “psychojive”. E’ stato Bruinsma a mettere insieme nel 2011 questo nuovo quintetto, cui ha dato il divertente nome di PumpOrgan, su commissione del North Sea Jazz Festival, non solo il più importante dei festival jazz olandesi, ma anche fra i più noti e prestigiosi al mondo.
La loro musica, in perfetta linea con le idee musicali del leader, assembla e fonde i più diversi stili musicali, free–jazz e funk, canzone rockabilly e sperimentazione elettronica, avant–rock e jazz moderno, con un accentuato senso ritmico, che ha davvero pochi eguali nel jazz contemporaneo. Un ritmo che diventa spesso ipnotico, al pari di una musica fatta di riff ossessivi e di lunghe improvvisazioni, spesso ai limiti del rumore e della cacofonia. Il variegato parco strumenti utilizzato dal quintetto può già farci intuire la poliedricità del loro onnivoro credo musicale.
Ma PumpOrgan non è un fenomeno isolato della scena jazzistica olandese dei nostri giorni. Il quintetto fa parte infatti di una sorta di collettivo, che comprende 28 musicisti e ben 11 gruppi, che ha il nome programmatico di “Tumult”, ma anche l’ambizioso e non semplice obiettivo di promuovere i più giovani e creativi protagonisti di una scena musicale difficilmente nota a chi non viva ad Amsterdam (www.tumultmusic.com). Il jazz improvvisato, contaminato e contagioso dei PumpOrgan rappresenterà, ne siamo certi, una piacevole sorpresa per tutti quegli appassionati cui le gabbie stilistiche ed i confini fra generi vanno sempre stretti.

La rassegna prosegue con:

Domenica 15 Dicembre, ore 18.00
PEDRO KOUYATE’ & MANDINKA TRANSE ACOUSTIQUE
Pédro Kouyaté (voce, chitarre, percussioni), Florent Dupuit (sassofoni, flauto),
Nelson Hamilcaro (basso elettrico), Renault Ollivier (batteria, calebasse, cori)
posto unico: intero € 13, ridotto € 10

Share this article

 

News&Events

novembre: 2013
L M M G V S D
« ott   dic »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930